La Rete Fianco a Fianco, quale coordinamento di organizzazioni del terzo settore costituitosi nel 2013, ha continuato a sviluppare gli obiettivi per promuovere una cultura della protezione giuridica e per realizzare azioni di accompagnamento, aiuto e sostegno ai soggetti fragili, ai loro familiari e agli operatori dei servizi attraverso gli sportelli di prossimità operativi sul territorio. Ente capofila della Rete Fianco a Fianco è Associazione Stefania di Lissone, la quale lavora in rete con altre 18 organizzazioni del Terzo Settore, per promuovere e sostenere il principio della legge 6/2004 sull’Amministrazione di Sostegno, ovvero rispettare la dignità della persona fragile, affiancando senza sostituire.

Casa del Volontariato, associazione all’interno della rete in partnership con il progetto regionale Oltre il Sostegno dedicato alla figura dell’Ads, si è distinta per il suo impegno e la sua perseveranza. La sua storia dura da più di vent’anni e le sue finalità di carattere sociale, civile e culturale sono state un punto di riferimento sul territorio di Monza e Brianza.

Nata e donata anni fa al Comune di Monza grazie a Lions Club Monza Host, Casa del Volontariato, sin dagli inizi, si è dovuta impegnare nel trovare una sua collocazione e una posizione all’interno della società civile del terzo settore. Il cammino non è stato facile, e i cambiamenti sono stati molti: da associazione di volontariato è diventata associazione di promozione sociale la quale, come emerge dal suo statuto, lavora con i suoi associati e a favore dei suoi associati.

Casa del Volontariato persegue vari progetti:

SPAZIO INCONTRI BIMBI

SUPPORTO COMPITI, PANE E ROSE, SUBACQUEA E DISABILITA’, AIUTACI AD AIUTARE E FIANCO FIANCO 

AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO.

Quando è nata la rete del Fianco a Fianco Casa del Volontariato ha partecipato entusiasta e in prima linea al sostegno di questo progetto in concomitanza all’impegno e alla solidità dell’Associazione Stefania di Lissone, ente capofila della rete.

La prima difficoltà alla quale i protagonisti della rete hanno risposto con coraggio e perseveranza è stato quando sono terminati i finanziamenti da parte del Progetto Cariplo e del CoGe a sostegno dell’AdS, momento decisivo che ha spinto i partecipanti della rete a perseguire i propri impegni con determinazione.

Grazie all’impegno della capofila Associazione Stefania che ha fatto accordi e convenzioni con comuni e la volontà dei protagonisti della rete di pagare piccole tasse annuali d’iscrizione per far sì che Fianco a Fianco potesse continuare a camminare con le proprie gambe si è sviluppata una strategia di consolidamento e autonomia che permane ancora oggi.

Versando un piccolo contribuito annuale i partecipanti della rete hanno tangibilmente manifestato l’interesse verso il progetto, sostenendone la sua autonomia e stabilità economica per andare avanti.

Le famiglie che necessitano una consulenza in tema AdS, presso gli 8 sportelli sul territorio di Monza, – spiega Assunta Betti, presidente della Casa del Volontariato, impegnata in prima linea come volontaria presso lo sportello di Brugherio – trovano un sostegno, una risposta a domande verso le quali nutrono dubbi e un aiuto che non si estende solo a presentare insieme il rendiconto annuale, ma arriva fino alla redazione e presentazione di tutte quelle pratiche necessarie per la gestione quotidiana delle persone amministrate.

Inoltre, i tempi sono più brevi e la burocrazia meno opprimente: il sistema degli sportelli di prossimità territoriali con 15.242 accessi nel 2018, aumentati del 21,45% rispetto a quelli registrati nel 2017 (11.972) dimostra di offrire un servizio più prossimo e permette un’importante riduzione degli accessi in Cancelleria.

I volontari a presidio dello sportello raccolgono tutta la documentazione affinché, per esempio, il signor Rossi residente a Carate possa depositare una pratica presso lo sportello di Carate. Il volontario successivamente consegnerà le pratiche in tribunale, evitando così al signor Rossi la consegna presso il tribunale di Monza.

Il compito di AdS non è semplice e si estende a un campo che comprende ogni ambito della nostra vita: cure mediche, acquisti, spese ordinarie e una serie valutazioni che coinvolgono la persona a trecentosessanta gradi.

Tutti gli sportelli nella provincia di Monza e della Brianza: Brugherio, Lazzate, Desio, Vimercate, Besana B.za, Cusano Milanino, Cologno Monzese e Monza sono rimasti aperti, grazie anche alla fiducia da parte del giudice Claudio Miele che ha creduto molto nell’efficacia della rete; con il Tribunale di Monza, nel 2018, è stato rinnovato il protocollo di collaborazione che prevede la presenza di due volontari presso la Cancelleria e l’apertura di uno sportello di prossimità.

Nonostante, in seguito al Covid-19, gli sportelli nel periodo di lockdown siano rimasti chiusi Associazione Stefania ha perseguito la sua attività attraverso consulenze telefoniche ed è già in contatto con gli amministratori comunali per stabilire l’apertura degli sportelli.

Casa del Volontariato e i partecipanti della rete hanno accompagnato gli AdS negli step della loro vita, sia come AdS, sia come ausilio per gli AdS del familiare amministrato. I traguardi che hanno raggiunto, il segno che hanno lasciato e gli obiettivi che mirano a raggiungere risiedono proprio nel nome della Rete: “Fianco a Fianco”, che vuole, prima di tutto, accompagnare la persona attraverso le difficoltà, soprattutto oggi, in un periodo nel quale è necessaria la perseveranza e il coraggio che Casa del Volontariato ha già dimostrato di possedere.

Sorry, this website uses features that your browser doesn’t support. Upgrade to a newer version of Firefox, Chrome, Safari, or Edge and you’ll be all set.